marina cvetaeva

22 09 2016
.
CAVALIERE NON E’ CHI STA SUL CAVALLO
CAVALIERE E’ L’INSIEME DEI DUE
lettere 1926
.
marina cvetaeva
.
http://www.violettanet.it/poesiealtro_autori/cvetaeva.htm
.
 
 
 
 
end msg
violacolor_futura3000
.



pier vittorio tondelli

13 09 2016
.
ALTRI LIBERTINI  
.
NOTTE RAMINGA E FUGGITIVA LANCIATA VELOCE LUNGO LE STRADE D’EMILIA A SPOLMONARE QUEL CHE  HO DENTRO, NOTTE SOLITARIA E VAGABONDA A PENSIERARE IN AUTO VERSO LA PRATERIA, LASCIARE CHE LE STORIE RIEMPIANO LA TESTA CHE COSÌ POI SI RIPOSA, COME STARE SULLE PIAZZE A SPIARE LA GENTE CHE PASSEGGIA E FA SALOTTO E GUARDA IN ARIA, TANTE FANTASIE UNA SOPRA E SOTTO ALL’ALTRA, PERÒ NON S’AFFATICA NULLA. CORRERE ALLORA, LA MACCHINA VA DOVE VUOLE, SVOLTA SU E GIÙ DALLA VIA EMILIA INCONTRO ALLE COLLINE E ALLE MONTAGNE OPPURE VERSO I FIUMI E LE BONIFICHE E I CANNETI. POI TRA REGGIO E PARMA LASCIARE ANDARE IL TIRAMENTO DI TESTA E PROVARE A INDOVINARE IL NUMERO DEI BAR, COMPRESI QUELLI ALL’INTERNO DELLE DISCOTECHE E DEI DANCING ALL’APERTO ORA CHE È AGOSTO E HANNO ALZATO PERSINO LE VERANDE PER GODERSI MEGLIO LE ZANZARE E IL PUZZO DELLA CAMPAGNA GRASSA E CONCIMATA. LUNGO LA VIA EMILIA NE INCONTRO LE INDICAZIONI LUMINOSE E INTERMITTENTI, I PARCHEGGI AMPI E INFINE LE STRUTTURE DI CEMENTO E NEON VIOLACEI E SPOT ARANCIONI E GRANDIFARI ALLO IODIO CHE SI ALZANO DRITTI E OSCILLANO AVANTI E INDIETRO COSÌ CHE I CONI DI LUCE SI INTRECCIANO ALTI NEL CIELO E PARE ALLORA DI STARE A BROADWAY O NEL SUNSET BOULEVARD IN UNA NOTTE DI QUELLE BUONE CON DIVE MAGNATI PRODUTTORI E GRANDI MITI. NE IMMAGINO VENTUNO MA PRIMA DI ENTRARE IN PARMA SONO GIÀ TRENTATRÉ, LA SCOMMESSA VA A PUTTANE, PAZIENZA, IN FONDO NON IMPORTA GRANCHÉ .

viaggio pagina 67  – pier vittorio tondelli
.
http://www.violettanet.it/poesiealtro_autori/TONDELLI.htm
 
 
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



erri de luca

9 09 2016
.
VALORE
-
CONSIDERO VALORE OGNI FORMA DI VITA,
LA NEVE, LA FRAGOLA, LA MOSCA, IL REGNO
MINERALE, L’ASSEMBLEA DELLE STELLE.
CONSIDERO VALORE IL VINO FINCHÉ DURA UN PASTO,
UN SORRISO INVOLONTARIO, LA
STANCHEZZA DI CHI NON SI È RISPARMIATO
E DUE VECCHI CHE SI AMANO.
CONSIDERO VALORE QUELLO CHE DOMANI
NON VARRÀ PIÙ NIENTE E QUELLO CHE OGGI
VALE ANCORA POCO.
CONSIDERO VALORE TUTTE LE FERITE.
CONSIDERO VALORE RISPARMIARE ACQUA,
RIPARARE UN PAIO DI SCARPE, TACERE IN
TEMPO, ACCORRERE A UN GRIDO,
CHIEDERE PERMESSO PRIMA DI SEDERSI, PROVARE
GRATITUDINE SENZA RICORDARSI DI CHE.
CONSIDERO VALORE SAPERE IN UNA STANZA
DOV’È IL NORD, QUAL È IL NOME DEL
VENTO CHE STA ASCIUGANDO IL BUCATO.
CONSIDERO VALORE IL VIAGGIO DEL VAGABONDO,
LA CLAUSURA DELLA MONACA, LA
PAZIENZA DEL CONDANNATO, QUALUNQUE COLPA SIA.
CONSIDERO VALORE L’USO DEL VERBO AMARE
E L’IPOTESI CHE ESISTA UN CREATORE..
MOLTI DI QUESTI VALORI NON HO CONOSCIUTO
.
da  opera sull’acqua e altre poesie
.
erri de luca
.
http://www.violettanet.it/poesiealtro_autori/QOHELET_1.htm#deluca
.
 
 
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



vittorio gassman

30 08 2016
A DIO
.
SEMPRE TE CHIAMO
QUANDO TOCCO IL FONDO,
SO IL NUMERO DI TELEFONO A MEMORIA
E TI DISTURBO
COME UN MANIACO
ABBARBICATO AL TELEFONO;
LASCIO UN MESSAGGIO
SE SEI FUORI. PERDONA.
PERDONAMI DI TUTTO.
SO CHE A VOLTE CANCELLI
A QUALCHE FORTUNATO
IL DEBITO CHE TUTTI CON TE ABBIAMO.
LA BOLLETTA FALLA PAGARE
A ME, MA DIMMI ALMENO
CHE NON FARAI TAGLIARE
LA MIA LINEA: TI PREGO,
QUANDO ECHEGGERÀ
QUELL’ULTIMO E DOLOROSO
SQUILLO, DIO – PER DIO! –
NON STACCARE: RISPONDIMI.
.
vittorio gassman
.
http://www.violettanet.it/poesiealtro_autori/GASSMAN_1.htm
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



TIGRE !

2 05 2016
 
.
.
LA TIGRE
TIGRE ! TIGRE !    DIVAMPANTE FULGORE
NELLE FORESTE DELLA NOTTE

QUALE FU L’IMMORTALE MANO O L’OCCHIO
CH’EBBE LA FORZA DI FORMARE
LA TUA AGGHIACCIANTE SIMMETRIA?
IN QUALI ABISSI O IN QUALI CIELI

ACCESE IL FUOCO DEI TUOI OCCHI?
SOPRA QUALI ALI OSA SLANCIARSI?
E QUALE MANO AFFERRA IL FUOCO
?
QUALI SPALLE
QUALE ARTE
POTÉ TORCERTI I TENDINI DEL CUORE?
E QUANDO IL TUO CUORE EBBE IL PRIMO PALPITO
QUALE TREMENDA MANO?
QUALE TREMENDO PIEDE?

QUALE MAZZA E QUALE CATENA?
IL TUO CERVELLO FU IN QUALE FORNACE?
E QUALE INCUDINE?
QUALE MORSA ROBUSTA OSÒ SERRARNE
I TERRORI FUNESTI?
CHI L’AGNELLO CREÒ

CREÒ ANCHE TE?
FU NEL SORRISO CHE EBBE
OSSERVANDO COMPIUTO IL SUO LAVORO
MENTRE GLI ASTRI PERDEVANO LE LANCE
TIRANDOLE ALLA TERRA

E IL PARADISO EMPIVANO DI PIANTI?

TIGRE ! TIGRE  !     DIVAMPANTE FULGORE
NELLE FORESTE DELLA NOTTE
QUALE MANO
QUALE IMMORTALE SPIA
OSO’ FORMARE

LA TUA AGGHIACCIANTE SIMMETRIA?
 
william blake    -  traduzione di g. UNGARETTI
songs of experience 1794
http://www.violettanet.it/links/FELINITA/FELINITA_7.htm 
.
  
.
end msg
violacolor_futura3000
.



A VOLTE E COMPLICATO SPIEGARE …

8 04 2016
…  e h m
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



A B C

11 03 2016

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 
A B C  MIAO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



LA MIA LULU’

27 10 2015

Lulù, la mia a_micia a quattrozampe

 
 12/10/2015
La mia vita è cominciata con i gatti. Più delle persone ricordo gli animali e tra questi i gatti. Mici liberi, selvatici, attenti.
Ma nei miei confronti avevano un atteggiamento “amico” perché sapevano che non avevano nulla da temere.
E così insieme a loro correvo – salivo sugli alberi da frutto – dormivo sul prato fiorito  e poi – la sera – ci salutavamo perchè se ne andavano. Non so dove.
Poi … la mia famiglia ha cambiato città. Sono cresciuta, ho terminato gli studi. Mi sono resa indipendente. Con una gatta. E poi un’altra. e poi un’altra.
Tutte per motivi diversi sono state dai 5 ai 6 anni con me. Non di più. Ho sofferto. Ho perduto sempre un’a_micia con quegli occhioni attenti.  
Poi … è arrivta Lulù, figlia di una persiana e di un micio rosso.
Bella, timida, attentissima. Ci siamo divise gli spazi, il tempo, le ore, i minuti e i pasti.
Abbiamo parlato, taciuto, dormito.
Abbiamo cambiato nuovamente città ed abbiamo sofferto per abituarci. Così sono passati 19 anni . 
 Negli ultimi tempi Lulù era diversa ma davo per scontato che fosse la sua età.
Le chiedevo sempre di arrivare almeno a 20 … ma un giorno improvvisamente, nonostante le cure mediche e le dovute attenzioni, si fermò con uno sguardo che non le conoscevo ma nel quale leggevo la fine.
Morì tra le mie braccia sussultando…  piansi a dirotto e ancora la piango e mi manca.
A volte compio semplici azioni – come per esempio guardare sul balcone prima di chiudere la finestra – e poi mi rendo conto che lei NON può essere sul balcone … ho perso una piccola a_micia a 4 zampe con due occhioni attentissimi.
VIOLETTA
http://www.lastampa.it/2015/10/12/societa/lazampa/amici-per-la-zampa-le-storie/lul-la-mia-amicia-a-quattrozampe-ci7Uo35Dze8StKaIOVI1XL/pagina.html
http://www.violettanet.it/poesie_violetta/trudylulu_.htm
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



NON SEI I TUOI ANNI

12 06 2015
 .
 TU NON SEI I TUOI ANNI,
 NÉ LA TAGLIA CHE INDOSSI,
 NON SEI IL TUO PESO
 O IL COLORE DEI TUOI CAPELLI.
 NON SEI IL TUO NOME,
 O LE FOSSETTE SULLE TUE GUANCE,
 SEI TUTTI I LIBRI CHE HAI LETTO,
 E TUTTE LE PAROLE CHE DICI
 SEI LA TUA VOCE ASSONNATA AL MATTINO
 E I SORRISI CHE PROVI A NASCONDERE,
 SEI LA DOLCEZZA DELLA TUA RISATA
 E OGNI LACRIMA VERSATA,
 SEI LE CANZONI URLATE COSÌ FORTE,
 QUANDO SAPEVI DI ESSER TUTTA SOLA,
 SEI ANCHE I POSTI IN CUI SEI STATA
 E IL SOLO CHE DAVVERO CHIAMI CASA,
 SEI TUTTO CIÒ IN CUI CREDI,
 E LE PERSONE A CUI VUOI BENE,
 SEI LE FOTOGRAFIE NELLA TUA CAMERA
 E IL FUTURO CHE DIPINGI.
 SEI FATTA DI COSÌ TANTA BELLEZZA
 MA FORSE TUTTO CIÒ TI SFUGGE
 DA QUANDO HAI DECISO DI ESSER
 TUTTO QUELLO CHE NON SEI.
 .
 .
 N O T
YOU ARE NOT YOUR AGE,
 NOR THE SIZE OF CLOTHES YOU WEAR,
 YOU ARE NOT A WEIGHT,
 OR THE COLOUR OF YOUR HAIR.
 YOU ARE NOT YOUR NAME,
 OR THE DIMPLES IN YOUR CHEEKS,
 YOU ARE ALL THE BOOKS YOU READ,
 AND ALL THE WORDS YOU SPEAK,
 YOU ARE YOUR CROAKY MORNING VOICE,
 AND THE SMILES YOU TRY TO HIDE,
 YOU’RE THE SWEETNESS IN YOUR LAUGHTER,
 AND EVERY TEAR YOU’VE CRIED,
 YOU’RE THE SONGS YOU SING SO LOUDLY,
 WHEN YOU KNOW YOU’RE ALL ALONE,
 YOU’RE THE PLACES THAT YOU’VE BEEN TO,
 AND THE ONE THAT YOU CALL HOME,
 YOU’RE THE THINGS THAT YOU BELIEVE IN,
 AND THE PEOPLE THAT YOU LOVE,
 YOU’RE THE PHOTOS IN YOUR BEDROOM,
 AND THE FUTURE YOU DREAM OF,
 YOU’RE MADE OF SO MUCH BEAUTY,
 BUT IT SEEMS THAT YOU FORGOT,
 WHEN YOU DECIDED THAT YOU WERE DEFINED,
 BY ALL THE THINGS YOU’RE NOT.
 .
 ERNEST HEMINGWAY
 .
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.



LA TERRA E’ DI TUTTI

10 06 2015

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.
end msg
violacolor_futura3000
.





echo '';